PalermoDailyPHOTO
Un vero viaggio di scoperta non è cercare nuove terre ma avere nuovi occhi

cominciamo a costruire l’arca

va bene che settembre è il mese delle pioggie…ma non avevo mai visto niente di simile…cocci di grandine enormi, alberi caduti, vento fortissimo…Piazza Marina era completamente allagata…immaginate com’era Mondello!

Forti radici secolari

“…Ad intoppi – radici o buche – nulla rivela il miracolo…”

Le chiome corte di Piazza Marina

Hanno potato tutti gli alberi del Giardino Garibaldi, a Piazza Marina…è impressionante perchè sono abituata a vedere le chiome foltissime che riempiono tutta la superficie…così invece il giardino sembra quasi vuoto…ma come ogni anno, a dare un tocco primaverile di colore, ci pensa la Jacaranda, con il suo lilla che in questa stagione regala la migliore espressione di se…

Chiesa della Catena

Su Corso Vittorio Emanuele, la Chiesa della Catena si affaccia a destra verso Piazza Marina, a sinistra verso la Cala…e la sua bellezza secondo me, oltre che architettonica (è uno dei migliori esempi di architettura cinquecentesca siciliana), sta proprio nella vicinanza con il mare…tra l’altro il nome deriva dal fatto che su uno dei muri esterni era posta un’estremità della catena che chiudeva il porto della Cala (wikipedia)…vista dall’alto è uno spettacolo perchè si può godere con un solo sguardo la bellissima chiesa, le fronde degli alberi del Giardino Garibaldi (Piazza Marina) e la cala con le sue barche…

Involuzione

In attesa del mercatino della domenica, il Sabato sera è così che si riduce il marciapiede di una delle più belle piazze al mondo, piazza Marina…i tavolini e le casse piene di roba, incatenati alle bellissime ringhiere in ferro battuto di villa Garibaldi…per essere i primi l’indomani…involuzione

Climax

I gradini di una chiesa possono anche essere semplicemente il posto dove, al tramonto, due persone sedute per terra si raccontano, adagio, le storie della loro vita.

Cadono rami

Il Ficus Magnolides. che si trova dentro Villa Garibaldi in Piazza Marina, un albero secolare, originario di zone tropicali e subtropicali…è uno spettacolo meraviglioso, la sua caratteristica è lo sviluppo di possenti rami in orizzontale, sostenuti da radici che, una volta ancoratesi al suolo, vanno continuamente irrobustendosi, il risultato è un fusto larghissimo composto dall’insieme dei tronchi e delle radici ormai diventate tronchi anch’esse.
Il problema è che i rami ormai sono diventati così lunghi da coprire tutta la strada, e subiscono la forza del vento che certe volte colpisce Palermo…alcuni rami sono caduti…sopra le macchine! per fortuna in questi giorni hanno chiuso la piazza per tagliare alcuni rami.

Piazza Marina

Ogni Domenica, a Piazza Marina, c’è un enorme mercato…di cosa…non si può spiegare facilmente, quello che posso dire è che si trova di tutto, da mobili di antiquariato, a macchine fotografiche dell’epoca fascista, fino alle cose più inutili e brutte che si possano immaginare…di sicuro è una tappa fondamentale per chi viene a visitare la città.

Every Sunday, in Piazza Marina, there is a huge market. The goods on sale cannot be described easily, I can only say that you can find almost anything, from antique furniture to cameras dating back to the fascist period, all the way to the ugliest and most useless objects you can dare to imagine. It is most certainly a must-do for those visiting the city.